PIZZERIA LA PARADISEA

Pizza a domicilio, asporto, saletta interna
- 050 500040 -

le nostre pizze

In questa sezione del sito internet trovate la galleria fotografica con le pizze realizzate dal personale della pizzeria La Paradisea di Pisa.

Il locale offre una vasta scelta di prodotti, pizze, calzoni, pani arabi. Disponibili in diversi formati e con differenti impasti. Con il supppemento di 1,50 € potete richiedere la preparazione della pizza con farina di kamut.

Potete visionare la pizze presenti nella photogallery, cliccando sulle relative miniature .

Vendita di pizza al taglio

La pizzeria prepara anche la pizza al taglio, per permettere alla clientela una spuntino veloce o accompagnare eventi ed occasioni speciali.

Le specialità proposte dalla pizzeria possono essere prenotate in occasione di feste e cerimonie private.

Prendete contatto con lo staff per ottenere maggiori informazioni sul servizio proposto ( 050 500040 ).

la cecina

La farinata di ceci, conosciuta anche come cecina, è uno dei piatti tipici toscani.
Nel realizzarla seguiamo la ricetta tradizionale usando ingredienti semplici quali farina di ceci, acqua sale ed olio.

Per apprezzarla nella sua qualità ottimale, ai nostri clienti la serviamo espressa, appena sfornata.
La si può gustare da sola oppure come ripieno di sfiziose focaccine.

La lunga esperienza nel preparala, la quotidiana ricerca e sperimanetazione volta a cercare un perfetto equilibrio tra gli ingredienti, sono le caratteristiche di questo nostro prodotto tanto desiderato ed amato.

Cotta nel forno a legna, esclusivamente in teglie di rame stagnate, la proponiamo in diverse varianti: affiancata con gustose melanzane marinate, condita con cremoso stracchino, e con tre diverse farciture: salsiccia e cipolla, funghi porcini, patate e rosmarino.

un po' di storia

Di origini molto antiche, si fa riferimento a sformati di purea di legumi cotti in forno in ricette latine e greche.
“Nel XIII secolo i ceci erano uno dei pochi alimenti che si conservava facilmente, così si usavano a bordo delle navi per cibare i vogatori prigionieri.
Si racconta che il piatto sia nato per caso in seguito alla battaglia della Meloria, nel 1284. Una “galera” coinvolta in una terribile tempesta, imbarcò molta acqua che ammollò i sacchi di ceci che si trovavano in cambusa, insieme a barili d' olio che si sfasciarono.
Finita la tempesta i ceci erano divenuti una purea, salata dall' acqua di mare e condita con l' olio dei barilotti. Questa brodaglia venne servita in scodelle ai marinai come pasto. Alcuni pisani rifiutarono la poltiglia lasciandola al sole che aciugandosi la trasformò in una sorta di frittella. Spinti dalla fame ebbero la gradita sorpresa di trovare una gustosa focaccetta. La scoperta casuale portò a perfezionare la ricetta cuocendola in forno a legna, e battezzandola “oro di Pisa”.

curiosita' sul nome

Vista la sua diffusione, ( dal sud della Francia fino alle coste tirreniche dell Italia centrale ) viene conosciuta con diversi nomi:


Toscana: CECINA, nel Pisano e versilia, TORTA DI CECI nel Livornese, CALDA CALDA a Massa Carrara

Liguria: FARINATA nel Genovese

Piemonte: BELECAUDA nell Alessandrino fino al Torinese

Sardegna: FAINE nel Sassarese

Costa Azzurra: SOCCA termine dialettale Nizzese

Share by: